PRESENTAZIONE
COMPONENTI
CALENDARIO
MATERIALE SEDUTE
BOLLETTINI
RAPPORTI
INVASO BILANCINO
INVASI ENEL
ARPAT
IDROMETRIA
SPI INDEX
SEVERITA' IDRICA
Mappa indice SPI
NEWs

30/06/21   Convocata per il giorno 8 luglio una riunione dell’Osservatorio
26/05/21   Definito lo stato di severità idrica elevata per il corpo idrico sotterraneo (GW) del Roia
24/05/21   Convocata la seconda riunione dell’Osservatorio per il bacino del Fiume Roia
24/03/21   Si è tenuta la riunione dell’Osservatorio per l’esame delle problematiche afferenti nal bacino del fiume Roia
25/01/21   Convocata per il prossimo 26 gennaio, ore 11.00, la prima seduta 2021 dell’Osservatorio degli Utilizzi Idrici del Distretto dell’Appennino Settentrionale. La seduta si terrà in videoconferenza
13/10/20   In data 13 ottobre 2020 ridotta la portata derivata dall'invaso di Bilancino da 2,00 m3/sec a 0,6 m3/sec.
27/07/20   Convocata per il prossimo 3 agosto ore 11.00, la seduta dell’Osservatorio degli Utilizzi Idrici del Distretto dell’Appennino Settentrionale. La seduta si solgerà in videoconferenza.

Con il Protocollo d’Intesa 13 luglio 2016  Ministeri, Autorità di Distretto, Regioni, Istituti di ricerca ed Associazioni hanno costituito l’Osservatorio permanente sugli utilizzi idrici in atto nel distretto idrografico dell’Appennino Settentrionale.

L’Osservatorio è una struttura operativa collegiale, volontaria e di tipo sussidiario a supporto della gestione della risorsa idrica (art. 2 del Protocollo 2016), finalizzata a rafforzare la cooperazione e il dialogo, nel rispetto delle  specifiche competenze, tra tutti gli attori pubblici e privati individuati e favorire ed organizzare  la raccolta delle informazioni relative agli scenari climatici e idrologici ed il monitoraggio in tempo reale delle disponibilità e dei consumi idrici.

Sulla base del quadro conoscitivo e di opportuni indicatori di crisi idrica, l’Osservatorio agisce utilizzando un approccio preventivo e proattivo, in affiancamento e supporto all’azione emergenziale dovuta a fenomeni siccitosi. Nella sostanza ci si propone di passare dalla gestione della crisi alla gestione del rischio siccità, il tutto nella cornice offerta dal Piano di Gestione delle Acque,  in una prospettiva di cambiamenti climatici e in un quadro di condivisione e diffusione delle  informazioni disponibili.