I Contratti di Fiume

Il Contratto di fiume del tratto urbano fiorentino

 

Le decisioni dovrebbero essere adottare al livello più vicino possibile ai luoghi di utilizzo effettivo o di degrado delle acque. Si dovrebbero privilegiare le azioni che rientrino tra le competenze degli Stati Membri, attraverso programmi di misure adeguati alle condizioni locali” (considerando 13, Direttiva 2000/60/CE)

Il 2015 sarà un anno importante in quanto entro il mese di dicembre saranno approvati e pubblicati, dopo un’ampia fase di informazione e consultazione pubblica, l’aggiornamento del Piano di gestione delle acque ai sensi della direttiva 2000/60/CE e il primo Piano di gestione del rischio di alluvioni ai sensi della direttiva 2007/60/CE. Due Piani che l’Europa ha pensato e richiesto a tutti gli Stati Membri per una gestione integrata della risorsa idrica.

Da gennaio 2015 sono in linea sul sito dell’Autorità di bacino i documenti relativi ai due progetti di Piano e stanno partendo attività di informazione degli stakeholder e, in generale dei portatori di interesse, istituzionali e non.

Si tratta dunque del momento giusto per avviare in modo concreto un nuovo tavolo di lavoro con enti, istituzioni, associazioni e cittadini finalizzato alla definizione e successiva sottoscrizione di un Contratto di fiume per il tratto urbano sfruttando tale forma di accordo volontario per dettagliare e attuare la pianificazione di distretto alla scala del tratto urbano del fiume Arno, al fine di perseguire la tutela e corretta gestione delle risorse idriche e la valorizzazione del territorio ed ecosistema fluviale, unitamente alla salvaguardia dal rischio idraulico, contribuendo allo sviluppo locale delle aree intorno al fiume.

Lavorare alla definizione del Contratto di fiume nel tratto urbano di Firenze significa, in definitiva, sostanziare di contenuti la partecipazione prevista per gli stessi Piani di gestione e finalizzarla alla ricerca di azioni, misure e proposte concrete da mettere in atto sin da subito nella gestione del territorio fluviale. Significa, in altre parole, sperimentare su scala locale, forme efficaci di collaborazione tra amministrazioni e tra queste e i cittadini, loro associazioni o categorie e responsabilizzare tutti alla cura del fiume.

Con il Contratto di fiume nel tratto urbano di Firenze si intende tracciare il percorso per “restituire il fiume al territorio e il territorio al fiume” in una visione onnicomprensiva e multifunzionale del contesto urbano di riferimento.

 

 

 

Contatti:
Segreteria Autorità di bacino 055-26743219, 207

segreteria@adbarno.it

Referenti:

Dott.sa Elena Bartoli