Skip to content

Il Piano 2021-2027

Nel 2018 ha preso avvio il percorso, previsto dall’art. 14 della dir. 2000/60/CE, che si è concluso il 20 dicembre 2021 con l’adozione in Conferenza Istituzionale Permanente con delibera n. 25, pubblicata sulla GU del 4 gennaio 2022, del II aggiornamento del Piano di Gestione delle Acque dell’Appennino Settentrionale e relative misure di salvaguardia.
Il Piano si differenzia dai due precedenti per un aspetto sostanziale, quello del nuovo territorio a cui è riferito, che va ad interessare quasi totalmente la regione Toscana, ricomprendendo l’ex distretto del bacino del fiume Serchio, la regione Liguria per i bacini scolanti a mare e una modesta parte dell’Umbria. I bacini del versante adriatico (bacino interregionale del fiume Reno, bacini regionali romagnoli e marchigiani, bacino interregionale del Conca-Marecchia) e il bacino interregionale del fiume Fiora risultano, da questo ciclo pianificatorio, ricompresi nel distretto Padano e in quello dell’Appennino Centrale.
In questa pagina si rende disponibile nella sezione “documentazione propedeutica” la documentazione prodotta durante il processo di aggiornamento del Piano 2021-2027, iniziato come sopra detto nel 2018 e che si è concluso lo scorso dicembre con l’adozione del Progetto di Piano, messo in consultazione pubblica fino al settembre 2021 ed oltre.
La “documentazione del Piano” di Gestione adottato – Relazione di Piano e Indirizzi con relativi allegati – è contenuta nella sezione “documentazione scaricabile”, mentre il Cruscotto di Piano è disponibile nella sezione “per approfondire”.
La documentazione di VAS – il PGA è stato escluso da VAS ma corredato da schede e documentazione integrativa, anche finalizzata al monitoraggio – è disponibile nello spazio dedicato.