Protezione Civile: successo per l’incontro alle Scuderie Granducali dedicato al rischio alluvioni, parte del percorso partecipativo “Verso il Contratto di Fiume del Torrente Serra”

Protezione Civile: successo per l’incontro alle Scuderie Granducali dedicato al rischio alluvioni, parte del percorso partecipativo “Verso il Contratto di Fiume del Torrente Serra”

Esponenti dell’associazionismo locale, amministratori pubblici, responsabili e funzionari degli enti di gestione del territorio e tanti giovani stamani a Seravezza per l’incontro dedicato alla comunicazione del rischio alluvioni, importante tappa del percorso partecipativo “Verso il Contratto di Fiume del Torrente Serra”.

L’evento è stato curato dall’Assessorato alle Opere Pubbliche, Manutenzione e gestione del patrimonio comunale del Comune di Seravezza e dall’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Settentrionale, promotori del percorso nell’ambito del progetto transfrontaliero Interreg Proterina3évoution. Per il Comune di Seravezza hanno presenziato il sindaco Riccardo Tarabella e gli assessori Giuliano Bartelletti e Dino Vené. Rappresentati anche i Comuni di Pietrasanta e Massarosa. Prima parte della mattinata di tipo formativo, rivolta in particolare agli enti e alle associazioni che gestiscono il sistema di protezione civile sul territorio intercomunale della Versilia. Un momento rivelatosi interessante anche per le scuole, che spesso si trovano a dover decidere quali comportamenti adottare in caso di allerta. Federico Campatelli di ANCI Toscana ha presentato alcuni nuovi strumenti di comunicazione ai cittadini.

Rinunciando alla prevista visita guidata lungo il torrente Serra, a causa delle cattive condizioni meteo, la seconda parte della mattina è stata riprogrammata alle Scuderie Granducali, dove si sono tenuti i gruppi di approfondimento sui singoli temi ambientali e sull’importanza di costruire comunità resilienti attraverso la gestione comune, informata e condivisa dei corpi idrici. In questa parte dell’evento Simona Tedesco del Consorzio di Bonifica Toscana Nord ha intrattenuto gli studenti su “Le dinamiche del Torrente Serra”. Ai ragazzi hanno parlato anche Marialuisa Pirota della Pubblica Assistenza di Minazzana (“Alla scoperta delle connessioni tra le frazioni del Serra: la rete Sentieri dell’Alta Versilia”), Marco Frati di Apusport (“Attività di canyoning e scoperta della fruibilità del torrente in sicurezza”), rappresentanti della Pro Loco di Seravezza (“Il ‘carattere’ del torrente: cosa devo sapere per fruirlo in sicurezza”), della condotta Slow Food Terre Medicee e Apuane (“I prodotti della Valle del Serra”), Marina Morando di Fondazione CIMA e Alessio Perilli di Muttley’s Group Versilia. Presenti anche la Pubblica Assistenza di Stazzema, le Associazioni Terre d’Amare e Radio CB Nuova Azzurra ed altre organizzazioni che operano localmente nel settore della protezione civile.

Le responsabili dell’associazione Comunità Interattive – Officina per la Partecipazione, incaricate di gestire il lungo ed elaborato percorso partecipativo per il Contratto di Fiume del Torrente Serra, hanno illustrato il lavoro svolto in questi mesi e presentato i prossimi step. L’evento ha coinvolto complessivamente circa ottanta persone.

Una cinquantina gli studenti dell’Istituto Marconi e dell’Istituto comprensivo di Seravezza accompagnati dai loro insegnanti.


Cambiamenti climatici: migliorare la comunicazione del rischio alluvione nei nostri territori. Venerdì mattina a Seravezza un incontro pubblico alle Scuderie Granducali e un percorso di educazione ambientale lungo il torrente Serra

Come essere informati e soprattutto come rendere consapevoli i residenti e i turisti che visitano la Versilia sui comportamenti da adottare in caso di un forte temporale improvviso, quando al mare c’è ancora il sole e tra i monti qualche lontana minacciosa nube grigia? L’Assessorato alle Opere Pubbliche, Manutenzione e gestione del patrimonio comunale del Comune di Seravezza e l’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Settentrionale promotori del percorso partecipativo “Verso il Contratto di Fiume del Torrente Serra”, all’interno del progetto transfrontaliero Interreg Proterina3évoution, organizzano per venerdì 10 maggio una mattinata dedicata alla comunicazione ai cittadini sul rischio alluvioni e sull’importanza di costruire comunità resilienti attraverso la gestione comune, informata e condivisa dei corpi idrici. Interverranno sul tema ANCI Toscana e la Fondazione CIMA, rispettivamente partner e capofila del progetto transfrontaliero Interreg Proterina3évoution, finalizzato a migliorare la capacità delle istituzioni di prevenire e gestire, congiuntamente, il rischio alluvione. La mattinata inizia alle 9:30 presso le Scuderie Granducali di Seravezza con una prima parte dei lavori di tipo formativo rivolta agli enti e alle associazioni che gestiscono il sistema di protezione civile sul territorio intercomunale della Versilia, ma anche alle scuole che spesso si trovano a dover decidere quali comportamenti adottare in caso di allerta: ANCI Toscana presenterà i nuovi strumenti di comunicazione ai cittadini messi in campo grazie al progetto europeo. La seconda parte della mattinata, con ritrovo alle 11:30 in località La Desiata, è invece organizzata in collaborazione con gli Enti e le associazioni attive nel percorso “Verso il Contratto di Fiume del Torrente Serra”: prevede visite guidate e attività di educazione ambientale lungo il torrente. Nel corso della mattinata saranno presentati anche alcuni degli interventi di coinvolgimento di cittadini e di comunicazione che il Contratto di Fiume del Torrente Serra prevede di realizzare nel corso dei primi tre anni dalla sua sottoscrizione. Il percorso, gestito dall’associazione Comunità Interattive – Officina per la Partecipazione esperta in percorsi partecipativi, che ha visto Enti Pubblici, Comune di Seravezza, Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Settentrionale, Parco Alpi Apuane, Unione dei Comuni della Versilia, Consorzio di Bonifica Toscana Nord, Università di Pisa DESTEC e circa venticinque referenti di associazioni locali e residenti, confrontarsi e condividere interventi per la tutela, valorizzazione e promozione ecosostenibile del torrente e della valle del Serra, si trova in questi mesi nella sua fase finale di condivisione dei testi del Contratto prossimi alla sottoscrizione. Per maggiori informazioni sull’organizzazione dell’evento aperto a tutti e per partecipare alle attività lungo il torrente Serra è possibile contattare il numero 340 5823175 o scrivere a comunitainterattive@gmail.com.


Firma del Protocollo di Intesa per il Contratto di Fiume del Fiume Cecina

Si terrà martedì 19 febbraio alle ore 10:30, presso la Caserma Villa in via Ginori n. 100 a Cecina, l’incontro per la firma del Protocollo di intesa per il Contratto di fiume del Cecina.

Il Contratto di Fiume, finanziato dal progetto Interreg Italia-Francia marittimo Proterina-3Evolution e gestito da Comunità Interattive – Officina per la partecipazione, interessa il tratto terminale del fiume Cecina, dal ponte della Steccaia fino alla foce, e vedrà la presenza dell’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Settentrionale, del Comune di Riparbella e di Montescudaio, del Consorzio di Bonifica 5 Toscana Costa e degli Stakeholder.


PROTERINA-3Évolution. L’incontro del 13 febbraio a Nizza

Il 13 febbraio a Nizza si è tenuto presso il CUM il II° evento annuale del Progetto PROTERINA-3Évolution finanziato nell’ambito della programmazione INTERREG Marittimo Italia-Francia 2014-2020.

L’incontro, al quale ha partecipato anche il personale dell’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Settentrionale, ha avuto l’obiettivo di condividere con i partner e gli stakeholder locali i risultati fino ad ora conseguiti dal progetto e indirizzare l’ultimo anno di attività. Tema principale è stata la comunicazione del rischio ai cittadini con particolare riferimento al difficile compito di tecnici e amministratori che devono essere in grado di trasmettere informazioni certe su fenomeni incerti.


Contratto di Fiume del Serra: pubblicato l’avviso pubblico rivolto alle realtà organizzate del territorio. Giovedì 18 ottobre incontro alle Scuderie Granducali per la firma del Protocollo d’Intesa con le Istituzioni promotrici

 

Call to action per il “Contratto di Fiume” del Torrente Serra. Un invito all’azione che il Comune di Seravezza rivolge ad associazioni, gruppi informali, comitati, forze politiche, associazioni di professionisti e di categoria e ordini professionali affinché – tutti assieme, coordinati in un Tavolo di Lavoro – contribuiscano a delineare l’architettura di quello che a tutti gli effetti si propone come lo strumento operativo per la valorizzazione e la fruizione del sistema fluviale. Associazioni e gruppi interessati hanno tempo fino a lunedì 22 ottobre per far pervenire la loro adesione. «Il Tavolo di Lavoro è lo strumento partecipativo principe del percorso di definizione del “Contratto di Fiume”», spiega l’Assessore alle opere pubbliche Giuliano Bartelletti. «Un vero e proprio laboratorio di idee e di proposte, ma anche un organismo deputato a proporre alcune importanti regole di gestione e di controllo del futuro Contratto. Associazioni ed enti collaboreranno infatti con il fine principale di condividere un quadro conoscitivo del torrente Serra, definire un documento strategico con obiettivi generali e specifici di medio termine, predisporre un primo programma di azioni sperimentali sul quale promuovere la ricerca di finanziamenti, definire una campagna informativa unitaria diretta alla cittadinanza e al mondo della scuola, elaborare una proposta di piano di monitoraggio. Come già anticipato sere fa in Consiglio Comunale, rivolgiamo un caldo invito a tutte le realtà associative, politiche, professionali e di categoria affinché partecipino a questo grande progetto collaborativo che si propone di disegnare il futuro della Valle del Serra».

Si procede intanto a grandi passi anche verso l’ufficializzazione degli Enti Istituzionali che sottoscriveranno il Protocollo d’Intesa per la attivazione del “Contratto di Fiume” del Torrente Serra. Comune di Seravezza ed Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Settentrionale – i due soggetti che con il Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord coordinano il processo – hanno invitato ad aderire la Regione Toscana con il Centro Funzionale Regionale, la Provincia di Lucca, l’Unione dei Comuni della Versilia, la Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio di Lucca e Massa Carrara, il Parco delle Apuane, l’Arpat Lucca, il Cerafri (Centro per la Ricerca e l’Alta Formazione per la prevenzione del Rischio Idrogeologico), l’Anci Toscana, il Dipartimento di ingegneria dell’energia, dei sistemi, del territorio e delle costruzioni dell’Università di Pisa, la Fondazione Terre Medicee. Molti degli organismi interpellati hanno già dato un positivo riscontro. Sarà questa la cabina di regia che analizzerà e gestirà le proposte che perverranno dal Tavolo di Lavoro e che successivamente si assumerà l’onere di realizzare, una volta acquisite le risorse economiche, gli interventi previsti nel Contratto in collaborazione anche con le associazioni che abbiano risorse umane e/o finanziarie da condividere.

Giovedì 18 ottobre alle ore 17:30 alle Scuderie Granducali si farà il punto della situazione sul lavoro preliminare fin qui svolto. «Interverranno anche le responsabili di Comunità Interattive-Officine per la Partecipazione, soggetto incaricato dall’Autorità di Bacino Distrettuale Appennino Settentrionale a coordinare il percorso partecipativo nell’ambito del progetto Proterin3évolution (Interreg Italia – Francia Marittimo), e sarà un’importante occasione per incontrare associazioni, comitati e tutti i portatori d’interesse – non importa se abbiano o meno già aderito all’Avviso Pubblico in scadenza il prossimo 22 ottobre – per illustrare modalità, tempistiche e sviluppo delle attività da svolgere da qui ai prossimi mesi. In chiusura si procederà alla stipula formale del Protocollo d’Intesa», conclude l’Assessore Bartelletti.

 

L’avviso pubblico per la costituzione del Tavolo di Lavoro è disponibile in homepage (sezione centrale “News dagli uffici”) sul sito web del Comune di Seravezza.