Arno, un fiume per amico – Uscita conclusiva del progetto – 17 maggio

Arno, un fiume per amico – Uscita conclusiva del progetto – 17 maggio

Grande successo all’uscita conclusiva del progetto “Arno, un fiume per amico” dove Massimo Lucchesi, Segretario Generale dell’Autorità di bacino dell’Appennino Settentrionale, Cristina Giachi, Vicesindaco e assessore del Comune Di Firenze, assieme agli amici del Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno, hanno premiato più di 150 ragazzi delle scuole elementari di Firenze.

I laboratori proposti dallo staff dell’Autorità di Bacino hanno riscosso molto successo fra i ragazzi che si sono divertiti fra simulazioni di alluvioni, pesche prodigiose, mini tour dell’Arno e delle sue sponde, e giochi per far comprendere le profonde relazioni che legano fra loro tutti gli animali e le piante dell’ecosistema fluviale. “È stata una bellissima giornata da vivere assieme ai ragazzi che hanno mostrato un grande interesse per il loro nuovo amico, l’Arno” afferma Massimo Lucchesi che continua: “Siamo orgogliosi di aver dato tanti spunti di riflessione  a questi giovani cittadini e ringrazio tutto il personale che ha fatto un ottimo lavoro”. Il vicesindaco Cristina Giachi ha voluto ringraziare le maestre che tramite il loro impegno e dedizione offrono agli alunni la possibilità di fare sempre nuove esperienze ed ha sottolineato come la possibilità che il percorso didattico sviluppato nell’ambito de “Le chiavi della città” possa concludersi nella “Spiaggia dell’Arno” è un valore aggiunto di cui essere orgogliosi. Il Consorzio di Bonifica del Medio Valdarno, promotore di altri progetti all’interno de “Le chiavi della città”, ha evidenziato “La grande sinergia che si è sviluppata fra ente pianificatore ed ente gestore, e come il lavoro prodotto da Regione Toscana, Comune di Firenze, Autorità di Bacino e Consorzio di Bonifica, garantisca la possibilità di fruire e di condividere spazi di grande importanza ambientale e sociale, sottraendoli all’incuria e al degrado. La volontà è quella di sviluppare sempre nuove collaborazioni, anche nei percorsi da dedicare ai ragazzi, e l’occasione di oggi potrebbe essere un nuovo punto di partenza”